s2e01 – Postcards

POSTCARDS

opening: Éstel Luz

Location

SAMO – Torino / C.so Tortona, 52.

Illustrazioni

Francesca Bellomi

Foto / Video

Ro Dika / Mir Tillo Blu


Musica

Ascolta

POSTCARDS

(Libano)

I Postcards sono una band indie-folk di Beirut, Libano, formata nell’estate del 2012 da quattro amici con una comune passione per la musica. La band è composta da Julia Sabra all’ukulele, mandolino, chitarra e voci; Marwan Tohme alla chitarra e voci; Pascal Semerdjian alla batteria, armonica e voci; e Rany Bechara al basso, tastiera e voci.
I Postcards hanno iniziato suonando brani rock nei pub intorno a Beirut e in maniera graduale e naturale hanno costruito una base di fan fedeli, mentre nel frattempo scrivevano i brani che sarebbero diventati, alla fine del 2013, il loro primo EP “Lakehouse”.
L’anno successivo all’uscita del loro primo EP, i Postcards si sono esibiti in tutto il Libano, in Germania, Uk, Francia e Portogallo, suonando anche come band supporto ai Beirut e in numerosi festival (Wilderness Festival, Byblos International Festival, Wickerpark Festival).
Il loro secondo Ep What Lies So Still è stato pubblicato all’inizio dell’estate del 2015, tra eccellenti recensioni. In What Lies So Still i quattro musicisti decidono di guardare avanti, allontanandosi dalle fondamenta essenziali dei loro primi brani, con un occhio a nuovi territori sia a livello di struttura che di suono, collocabile da qualche parte tra Beirut, Fleet Foxes ed Edward Sharpe & The Magnetic Zeroes.

Facebook 

ÉSTEL LUZ

Nata e cresciuta in una cittadina del Nord Italia da un’insegnante di yoga colombiana e un restauratore d’arte Italiano; iniza a suonare in tenera eta’ con il fratello Adam ma solo dopo il compimento del ventesimo anno inizia lo sviluppo cosciente delle proprie abilita’ musicali iniziando a suonare e scrivere brani con la band dub reggae Dotvibes. I numerosi viaggi in Europa e in Brasile aprono nuovi orizzonti creativi e tra le collaborazioni con Dotvibes e altri collettivi musicali Estel ha l’occasione di portare la propria voce non solo nella penisola italiana ma anche in Polonia e al famigerato Big Chill Festiva (UK) nel 2011.
Dal 2010 al 2012 lavora come resident vocalist presso il Puddhu Bar a Torino con il collettivo The Dreamers, aprendo i set di numerosi produttori e djs della scena underground D’n’B e Dubstep (Dbridge, Blu Mar Ten, Jkenzo, Jack Sparrow, Commix and Logistics, DJ Storm).
Poco dopo inizia un progetto chiamato Estel Luz Acoustic Session con il quale presso il Jazz Refound Festival (2012- 2013) apre i live act di artisti di rilievo come Andreya Triana voce di Black Sands (Bonobo, Ninja Tune).
Nel 2014 esce Light Blue, primo ep solista della cantante, su Soundcloud.
Dopo l’incontro con il produttore Eugenio Mazzetto inizia il lavoro di scrittura e stesura di Angels, primo album solista, preceduto dalla release di tre brani: A change is gonna come, unica cover rivisitata, Under my skin e Good to me, tutti e tre prodotti da Mazzetto, il primo e il terzo accompagnati da video ad opera di Silvia Delia Simonetti.

Facebook 

/ Guarda l’acustico sul divano